Created by snowflake productions gmbh

Segnali speciali

Situazione attuale: in zona urbana, la percezione dei veicoli d'intervento nel traffico diventa sempre più difficile per via del costante aumento degli stimoli visivi ai quali sono confrontati gli automobilisti e dell'aumento dell'isolamento nel quale si trovano questi ultimi dovuto tra l'altro all'utilizzo degli impianti stereo e degli smartphone.

Scopo della FSP e dell'ASPP: la sicurezza di tutti gli utenti della strada, compresa quella delle forze di intervento, deve essere migliorata. L'ottimizzazione del marcaggio speciale (per esempio con un sistema di lampeggiamento automatico alternato dei fari frontali del veicolo e di luci flash blu sui lati e sulla parte posteriore delle autobotti) permetterebbe agli utenti della strada di percepire più chiaramente i veicoli d'intervento.

Misure: la FSP ha comunicato il suo punto di vista all'Ufficio federale delle strade (USTRA), organo competente per questo dossier. Una richiesta in questo senso sarà presentata nel quadro della consultazione. La FSP beneficia del sostegno dei rappresentanti della polizia e dei servizi sanitari.

Pianificazione della circolazione e moderazione del traffico

Situazione attuale: il forte aumento delle zone limitate a 30 o 40 km/h allunga i tempi di spostamento dei pompieri fino alla caserma. Inoltre, le misure di moderazione del traffico, come i restringimenti artificiali della carreggiata, rallentano in modo particolare i veicoli d'intervento pesanti, come per esempio le autobotti, durante il loro spostamento fino al luogo dell'intervento.

Scopo della FSP e dell'ASPP: gli interessi delle forze d'intervento, che per il momento non sono state consultate o integrate nei progetti di pianificazione, devono essere esposti in modo chiaro agli organismi e agli esperti incaricati della pianificazione, allo scopo di sensibilizzarli ai bisogni delle forze d'intervento. 

Misure: estensione della rete di influenza della FSP presso gli organismi di pianificazione della circolazione. Presenza in seno agli organismi specializzati e ai gruppi di esperti incaricati dell'elaborazione del progetto di base.

Via sicura - primo pacchetto di misure

Situazione attuale: questo pacchetto di misure non prevede eccezioni per le organizzazioni a luci blu, nonostante il fatto che queste ultime usino i loro diritti speciali, derogando alle regole in vigore solamente quando possono farlo in modo responsabile e proporzionato alla situazione. Tenuto conto della missione da compiere, del genere di veicoli utilizzati e delle misure di moderazione del traffico applicate, sono soprattutto i nostri colleghi della polizia, ed eventualmente quelli dei servizi sanitari, che rischiano di trovasi accusati di comportarsi come dei pirati della strada. Per i poliziotti che stanno inseguendo qualcuno, i rischi incorsi sono la prigione e la perdita del posto di lavoro!

Scopo: la FSP e l'ASPP sostengono la polizia negli sforzi tesi a correggere le disposizioni attualmente in vigore, facendo fronte comune nei confronti dell'USTRA. Il Gruppo parlamentare federale nel settore dei pompieri si impegna, congiuntamente al Gruppo parlamentare federale nel settore della sicurezza, per ottenere delle modifiche per via legislativa.

Link USTRA

Via sicura - secondo pacchetto di misure

Situazione attuale: in pratica, i servizi competenti hanno stabilito che, in materia di consumo di alcol, viene applicata ai pompieri la tolleranza zero. Poiché trasportano della schiuma e/o dell'acqua di spegnimento, i «veicoli di lavoro» con targhe blu dei pompieri sottostanno alle stesse disposizioni dei veicoli pesanti di trasporto delle merci, motivo per il quale la tolleranza in vigore di 0,5 o/oo viene soppressa anche per quanto riguarda i pompieri. Da informazioni ricevute, appare chiaro sin d'ora che questa misura avrebbe delle ripercussioni negative nei corpi pompieri: alcuni comandanti vedono compromessa o addirittura rimessa in questione la loro capacità a intervenire per via della mancanza di autisti. Inoltre, in caso di richiesta di rinforzi, queste nuove disposizioni toccano anche i pompieri professionisti.

Scopo della FSP e dell'ASPP: congiuntamente alla Coordinazione svizzera dei pompieri (CSP), si tratta di correggere le disposizioni in vigore. Motivo: gli autisti dei veicoli dei pompieri sono persone responsabili e non si conosce alcun caso nel quale un autista sia stato condannato per aver infranto la regola dello 0,5 o/oo, attualmente in vigore. Applicare lo stesso trattamento ai veicoli di lavoro dei pompieri e ai veicoli pesanti di trasporto di merce per i motivi summenzionati è in contraddizione con l'Ordinanza concernente le esigenze tecniche per i veicoli stradali (OETV) ed è insostenibile. L'applicazione di questa regola è impossibile nel contesto dei pompieri di milizia. Per quanto concerne invece le conseguenze finanziarie dell'organizzazione di un picchetto 24/24, 365 giorni all'anno, esse sono imprevedibili, senza contare che bisognerebbe ancora trovare il personale necessario per farlo!

Misure: congiuntamente alla CSP, la FSP e l'ASPP informeranno rapidamente e ufficialmente l'USTRA sulla propria posizione in merito. Inoltre, le due organizzazioni si sforzano di ottenere una modifica per via legislativa delle disposizioni in vigore, con il sostegno del Gruppo parlamentare nel settore dei pompieri.

Periodicità dei controlli dei veicoli a motore

Situazione attuale: l'USTRA mette in consultazione una proposta di modifica degli intervalli di controllo dei veicoli a motore. L'intenzione è di prolungare le scadenze per i veicoli da turismo, di lasciare invariati gli intervalli per i veicoli pesanti con targhe bianche e di ridurre gli intervalli per i veicoli di lavoro con targhe blu (periodicità fino a oggi: primo controllo dopo cinque anni, poi ogni tre anni. Proposta di modifica: primo controllo dopo quattro anni, poi dopo tre anni e in seguito ogni 2 anni). 

Scopo della FSP e dell'ASPP: un controllo periodico dei veicoli dei pompieri è necessario. Tuttavia, visto il numero limitato di chilometri percorsi dai veicoli dei pompieri, l'accorciamento dei termini non ha nessun senso per questa categoria. Non prendiamo posizione concernente l'accorciamento degli intervalli per gli altri veicoli di lavoro in servizio.

Misure: congiuntamente alla CSP, esprimeremo la nostra posizione nel corso della procedura ordinaria di consultazione.